L’alternativa vegetale al ragù di carne: il ragù vegano

ragù vegano

Eh sì, il ragù vegano esiste e non ha niente da invidiare al suo celebre fratello. Il ragù di carne è sicuramente il re delle tavole in Italia, ma l’alternativa vegetale può essere una valida alternativa per alleggerire un pasto, soprattutto con l’avvento della stagione calda.

Il mio compagno (e anche io un pochino) era molto scettico. Sentendolo nominare l’abbinata ragù e vegano ha alzato un sopracciglio come fa abitualmente quando sente qualcosa che non lo convince. Mettendo da parte i pregiudizzi, ha assaggiato il ragù vegano e, dopo la prima forchettata, con sguardo sorpreso di approvazione, ha sentenziato che era buono.

Ragù vegano: soia al posto della carne macinata

Non spenderò parole per dire che il ragù vegano è uguale a quello normale, ma merita comunque una possibilità. La carne macinata viene sostituita con il macinato di soia, vale a dire farina di soia ristrutturata e ridotta in piccoli pezzetti. L’alta concentrazione di proteine presente nella soia (circa 43 g per 100 g di macinato) la rende un perfetto sostituto vegetale della carne.

Un altro vantaggio del macinato di soia che ho usato è che, in cottura, assorbirà buona parte dell’acqua che rilasciano le verdure durante la cottura.

Il ragù vegano è anche una ricetta anti spreco e svuota frigo

Per preparare questo ragù ho usato le verdure che avevo nel frigo. Non so se capita anche a voi, ma spesso mi trovo con una melanzana, una zucchina, una carota, ecc ecc Tutti questi avanzi, presi singolarmente non si trasformeranno di certo in un pasto, ma tutti insieme possono trasformarsi in ragù vegano, verdure per la pasta fredda o un contorno da cuocere al forno. Questa ultima possibilità da riservare a giornate più miti o dopo un bel rinfrescante temporale estivo.

Fatemi sapere se preferite il ragù vegano o quello tradizionale. Se vi va, scattate una foto e condividetela su  Instagram, su  Facebook o con un  cinguettio su Twitter usando l’hashtag #LeRicetteDelTegamino.

Oppure lasciate un commento qui sotto con la vostra ricetta!

Buon Appetito! 🙂

Clicca per leggere la ricetta o il resto del post

Sta arrivando l’estate: pasta fredda alle verdure

pasta fredda

La pasta fredda è un piatto tipicamente estivo perfetto per la pausa pranzo in ufficio e anche per quando le giornate diventano caldissime. Ci sono delle volte che solo l’idea di accendere i fornelli per più di 20 minuti mi fa iniziare a sudare e mi fa passare la voglia di preparare qualcosa di diverso da prosciutto e melone o da una caprese.

Da brava italiana sono una mangiatrice compulsiva di pasta tutto l’anno, anche se so che dovrei mangiarne decisamente di meno. Io sono della filosofia che si vive una volta sola, quindi perché privarmi di questo piacere? Così, alla classica pasta di grano duro, alterno quella integrale e quella di farro. Ogni tanto mi piace anche mangiare quella fatta con la quinoa o l’amaranto. Vi consiglio anche di provare quella a base di farina di piselli. Queste ultime tre sono senza glutine e quindi più leggere da digerire.

Proprio perché il caldo inizia a farsi sentire, mi piace preparare la pasta fredda con delle verdure di stagione saltate in padella aggiungendo poi dei pomodorini e del formaggio per renderla più saporita.

Per concludere, quando mi metto a scrivere articoli e ricette che richiamano il sole e il caldo, fuori si scatena l’apocalisse con temporali, vento e aria fredda. Un po’ come era successo con il primo giorno di primavera. In questo momento il vento sta letteralmente sradicando gli alberi del parco che ho sotto casa…

Fatemi sapere se anche voi preparate la pasta fredda con le verdure. Se vi va, scattate una foto e condividetela su  Instagram, su  Facebook o con un  cinguettio su Twitter usando l’hashtag #LeRicetteDelTegamino.

Buon Appetito! 🙂

Clicca per leggere la ricetta o il resto del post

Zucchine ripiene di risotto allo zafferano

zucchine ripiene

Le zucchine ripiene vengono spesso mangiate ripiene di carne, oppure di mousse al tonno o al prosciutto. Le zucchine infatti, grazie al loro gusto neutro, si prestano facilmente per varie ricette, da quelle salate a quelle dolci.

Zucchine ripiene come contenitore per il risotto

Nella ricetta di oggi ho pensato di usarle come piatto (o contenitore) alternativo per il risotto allo zafferano e, sempre con un occhio attento al Pianeta, ho fatto in modo di usare praticamente tutte le parti delle zucchine, tranne il  picciolo.

Spero che tra i miei lettori ci sia qualche appassionato di Harry Potter perché, guardando questo piatto, mi sono venuti in mente i calderoni dell’aula di pozioni di Hogwarts… Ditemi che non sono sola! 🙂

Fatemi sapere se avete provato le zucchine ripiene di risotto allo zafferano… Se vi va, scattate una foto e condividetela sui social usando l’hashtag #LeRicetteDelTegamino.

Buon appetito! 🙂

Clicca per leggere la ricetta o il resto del post

Risotto agli asparagi: come prepararlo in modo perfetto

risotto agli asparagi

Solo da poco ho riscoperto l’amore per gli asparagi, un ortaggio che riempie gli scaffali di fruttivendoli e supermercati in primavera. Ammetto che fino a poco tempo fa li snobbavo e non provavo particolare entusiasmo quando mi proponevano qualcosa a base di asparagi.

In questi anni mi sono ritrovata, mio malgrado e per scelta, ad avere un approccio più consapevole verso quello che mangio; in primis a causa di una leggera intolleranza al lattosio, ma anche per avere più consapevolezza e rispetto verso il pianeta che mi ospita ogni giorno.

Spesso ci dimentichiamo che sulla Terra siamo solo di passaggio. L’idea di lasciare un’impronta positiva per chi verrà dopo di me è una delle cose per cui, nel mio piccolo, cerco di lavorare ogni giorno. Ho approfondito e messo in pratica temi come quello della provenienza del cibo e della stagionalità – dobbiamo proprio mangiare i peperoni o l’anguria a dicembre? – racchiusi all’interno del più grande tema della sostenibilità alimentare e ambientale.

La semplicità passa per le ricette della tradizione che alla fine vengono sempre apprezzate anche da chi condivide con noi un pranzo, una cena, ma anche la colazione.

Dopo queste digressioni “filosofiche”, mi piace ricordare che la bontà sta nelle cose semplici. Spesso, troppo spesso, come food blogger, mi spremo le meningi per creare ricette con ingredienti accostati in modo creativo, dimenticando le basi e quello che in realtà mangio nella mia quotidianità.

Il risotto agli asparagi è un grande classico che, se viene preparato con amore e qualche accortezza, è ancora meglio Ecco tre consigli per un risotto perfetto!

  1. Scegliete degli asparagi di qualità (magari a filiera corta);
  2. Preparate voi stessi il brodo per il risotto, così da non buttare nulla di questo fantastico ortaggio. Qui sotto troverete la mia ricetta del brodo vegetale, in modo che possiate prendere ispirazione;
  3. Il riso che preferisco per il risotto agli asparagi (ma non solo) è di tipo “carnaroli”, tipico di molte zone del nord-est. Di recente ne ho scoperta una varietà molto buona del Delta del Po.

Se al posto del risotto preferite gli asparagi come contorno, vi consiglio di provarli fatti al forno.

Ultimissima cosa poi vi lascio alla ricetta. Provate a mettere il risotto agli asparagi nelle zucchine. Non ve ne pentirete! 😉

Fatemi sapere se anche a voi piace il risotto agli asparagi e come lo preparate… Se vi va, scattate una foto e condividetela su  Instagram, su  Facebook o con un  cinguettio su Twitter usando l’hashtag #LeRicetteDelTegamino.

Buon appetito! 😃

Clicca per leggere la ricetta o il resto del post

Spaghetti profumati al curry con uvetta e pinoli

spaghetti profumati al curry

Spaghetti profumati al curry con uvetta e pinoli? Per i tradizionalisti è sicuramente un abbinamento da sguardo perplesso e sopracciglio alzato. In realtà vi potrebbe stupire anzi, vi stupirà, come ha stupito me. Sono un’alternativa ai classici spaghetti al pomodoro o alla spaghettata aglio, olio e peperoncino. E se siete degli amanti della cucina indiana, dovete sicuramente provarli.

Questi spaghetti per me sono anche un comfort food, uno di quei piatti ristoratori con il pro che in uno schiocco di dita sono pronti per essere gustati, seduti sul divano, dopo una giornata che non vediamo l’ora che finisca.

Fatemi sapere se avete preparato gli spaghetti profumati al curry con uvetta e pinoli e se vi sono piaciuti… Se vi va, scattate una foto e condividetela su  Instagram, su  Facebook o con un  cinguettio su Twitter usando l’hashtag #LeRicetteDelTegamino.

Buon appetito! 🙂

Clicca per leggere la ricetta o il resto del post