Frittata alle cipolle in tegamino

frittata-alle-cipolle

Questa è la ricetta di una frittata che mi ha fatta innamorare, quella cotta su un tegamino giallo del diametro di soli 10 cm. Proprio quel tegamino che dà il nome al mio blog. Se cliccate qui, troverete la sua storia.

Più che una vera e propria ricetta, si tratta di una serie di consigli per rendere la vostra frittata davvero speciale. Queste indicazioni danno quel “non so che” di speciale che mai mi sarei aspettata in un piatto che tutti nella vita hanno mangiato o preparato almeno una volta.

Ingredienti per una frittata alta e soffice

2 uova
4 cucchiai di parmigiano grattugiato
1/2 cipolla bianca
Una noce di burro
Sale e pepe nero q.b.

Per prima cosa vi serviranno circa due uova a testa che andranno rotte in un piatto. “Circa” perché dipende da quanto grandi sono le uova che avete a disposizione. Io uso solo uova biologiche o comprate direttamente dai contadini della mia zona che quindi possono avere dimensioni diverse.

Iniziate sbattendo le uova, aggiungete solo un pizzico di sale e abbondante pepe nero. “Solo un pizzico di sale” perché dopo aggiungerete anche il parmigiano, che darà la maggior parte della sapidità al composto.

A questo punto iniziate ad aggiungere il parmigiano grattugiato, un cucchiaio alla volta, sempre continuando a sbattere, fino a che il composto non si trasformerà in una crema gialla ben legata. Questa è la base della vostra frittata.

Mettete da parte la base e preparate il tegamino: ungetelo con un po’ di burro, avendo cura di passarlo anche sui bordi. Così sarà più facile girare la frittata.

Tagliate a pezzetti la cipolla bianca e fatela rosolare a fuoco basso nel tegamino unto di burro.

Con le uova ci sta bene il burro, ma puoi usare anche un filo d’olio, se proprio vuoi! (cit. di un Ingegnere che vuole restare anonimo)

Quando la cipolla sarà diventata trasparente, versateci sopra la base della frittata che avete preparato prima.

La frittata dovrà cuocersi dal basso verso l’alto, a fuoco medio, e il calore dovrà arrivare a rassodarne il cuore, prima di girarla. Dovrete girarla solo quando la parte superiore non sarà più liquida.

Un saggio consiglio che mi è stato dato, è quello di rompere il fondo della frittata con il dorso di un cucchiaio, durante la cottura. Con questo piccolo accorgimento il calore del fornello non uscirà solo dai lati, ma arriverà a cuocere la parte interna in maniera uniforme.

Girate la frittata e terminate la cottura anche dell’altro lato.

Fatemi sapere se la mia frittata alle cipolle in tegamino vi è piaciuta… Se vi va, scattate una foto e condividetela su Instagram o su Facebook con l’hashtag #LeRicetteDelTegamino.

Buon appetito! 😃