Spaghetti profumati al curry con uvetta e pinoli

spaghetti profumati al curry

Spaghetti profumati al curry con uvetta e pinoli? Per i tradizionalisti è sicuramente un abbinamento da sguardo perplesso e sopracciglio alzato. In realtà vi potrebbe stupire anzi, vi stupirà, come ha stupito me. Sono un’alternativa ai classici spaghetti al pomodoro o alla spaghettata aglio, olio e peperoncino. E se siete degli amanti della cucina indiana, dovete sicuramente provarli.

Questi spaghetti per me sono anche un comfort food, uno di quei piatti ristoratori con il pro che in uno schiocco di dita sono pronti per essere gustati, seduti sul divano, dopo una giornata che non vediamo l’ora che finisca.

Fatemi sapere se avete preparato gli spaghetti profumati al curry con uvetta e pinoli e se vi sono piaciuti… Se vi va, scattate una foto e condividetela su  Instagram, su  Facebook o con un  cinguettio su Twitter usando l’hashtag #LeRicetteDelTegamino.

Buon appetito! 🙂

Clicca per leggere la ricetta o il resto del post

Mazzetti di asparagi

mazzetti di asparagi

Gli asparagi sono un ortaggio che spunta dai campi proprio in primavera, quando la natura rinasce dopo l’inverno. Il nostro Bel Paese è uno dei maggiori produttori di asparagi in Europa e, qui in Veneto, ne esistono molte varietà. Ne cito due tra tante, l’asparago verde di Pernumia e quello bianco di Bassano che ha ottenuto anche la denominazione di origine protetta (DOP), solo perché Pernumia e Bassano sono a pochi chilometri da dove vivo.

Tutto questo per dire che per me gli asparagi sono un ortaggio a km 0 e un ingrediente di stagione. Non mi stancherò mai di ripetere che scegliere, cucinare e mangiare alimenti a km 0 e di stagione è la scelta migliore che possiamo fare per noi, per gli altri e per l’ambiente che ci circonda.

Gli asparagi hanno molteplici proprietà tra cui favorire la produzione di insulina, contrastare i segni dell’invecchiamento (come piace dire a me: alto là alla rughe!) e sono depurativi (che con il cambio di stagione non guasta mai). Come gli altri ortaggi sono composti per la maggior parte da acqua, ma presentano anche una buona quantità di fibre, carboidrati e proteine, senza contare vitamine e sali minerali.

La maggior parte degli asparagi è di colore verde chiaro o scuro ma, come detto sopra, ne esistono varietà di colore bianco e viola.

La tradizione nella mia regione (il Veneto appunto) li vuole mangiati bolliti, conditi con olio e limone e accompagnati da uova sode, quello che qui si chiamano sparasi e ovi (asparagi e uova). Ma strizzando un occhio alla tradizione, io li preferisco per condire la pasta, nel risotto o nel ripieno delle torte salate.

Oggi però ho proprio messo da parte le tradizioni regionali e li ho preparati in maniera un po’ alternativa. Ho trasformato gli asparagi verdi in mazzetti di finti fiori, avvolti da un nastro croccante di pasta sfoglia profumata al curry.
Peccato che non si possa inserire il profumo che esce dal forno in questo momento…

Fatemi sapere se avete preparato i mazzetti di asparagi e se vi sono piaciuti… Se vi va, scattate una foto e condividetela su  Instagram, su  Facebook o con un  cinguettio su Twitter usando l’hashtag #LeRicetteDelTegamino.

Buon appetito! 🙂

Clicca per leggere la ricetta o il resto del post

Pollo (simil) orientale al curry e latte di cocco

pollo al curry e latte di cocco

La ricetta di oggi è un secondo piatto dal sapore esotico che ricorda paesi lontani con abitudini alimentari diverse dalle nostre, grazie all’uso di spezie e ingredienti che il nostro clima non permette di coltivare (come ad esempio la noce di cocco). Si tratta del pollo al curry e latte di cocco.

Malgrado la lontananza dei paesi di origine, curry e latte di cocco sono entrati a far parte delle nostre abitudini alimentari, tant’è che è facile trovarli tra gli scaffali del supermercato o sulle bancarelle dei nostri mercati.

Cos’è esattamente il curry?

In Italia lo conosciamo come curry, ma la parola indiana che lo designa è masala. Si tratta di un mix di spezie. Ne esistono numerosissime varietà in base al tipo di ingredienti da cui è composto. Non viene utilizzato solamente in India, ma anche in tutto il resto dell’Asia. Il curry può essere però sommariamente raggruppato in tre grandi famiglie: giallo, verde e rosso.

Come saprete, la varietà di curry più diffusa in Italia è quella gialla ed è anche quella che si avvicina di più al palato degli occidentali. Non è infatti troppo piccante ed ha un retrogusto leggermente dolce che sa rendere la pietanza più classica, appetitosa ed esotica.

In passato mi è capitato di provare un curry rosso proveniente dallo Sri Lanka. Non saprei dire esattamente cosa conteneva, ma sono certa che ci fosse moltissimo peperoncino. Solo dall’odore avevano cominciato a bruciarmi sia il naso sia gli occhi; vi lascio immaginare il gusto…

Tuttavia, nel sud-est asiatico, con la parola curry non si intende solo un mix di spezie, ma anche un vero e proprio piatto che può essere a base di carne o di verdure.

Secondo me, uno dei pregi del curry è che con il suo sapore ricco e deciso permette di usare poco sale per insaporire le nostre ricette. Il curry si presta inoltre non solo per piatti salati, ma anche per inaspettate varianti agrodolci.

Il curry che ho usato in questa ricetta è quello giallo a base di curcuma (che dona il classico colore giallo), zenzero, cumino, pepe, cardamomo con una punta finale di peperoncino.

Veniamo ora alla ricette: pollo al curry e latte di cocco

Una delle mie ricette preferite con questo mix di spezie è il pollo al curry e latte di cocco. Ha un sapore deciso e orientaleggiante che ricorda paesi lontani che spero un giorno di visitare.

Per dare un tocco di italianità a questo piatto, ho usato del riso tipo Vialone Nano integrale al posto dell’orientale basmati. Il riso integrale Vialone Nano risulta rustico e asciutto e il centro del chicco resta leggermente croccante.

Proprio questa anima croccante rende questo riso perfetto per accompagnare piatti di questo tipo, caratterizzati da salse dense e molto gustose.

Per concludere, fatemi sapere se avete provato il pollo al curry e latte di cocco e se vi è piaciuto… Se vi va, scattate una foto e condividetela su Instagram o su Facebook con l’hashtag #LeRicetteDelTegamino.

Buon appetito! 😃

Clicca per leggere la ricetta o il resto del post