Insalata con radicchio tardivo, arance e noci

insalata con radicchio

L’insalata con radicchio tardivo, arance e noci è la mia risposta a tutti quelli che considerano l’insalata triste, noiosa, priva di gusto, messaggera di obiettivi futuri che si avvicinano inesorabili (ad esempio la prova costume!).
L’insalata verde, da sola, fa davvero una tristezza infinita. Inutile raccontarsi che è leggera e fonte di fibre e sali minerali: non basta a cancellare la delusione che abbiamo negli occhi quando scopriamo che sarà la portata principale (e unica) del nostro pranzo o della nostra cena.

A tutte queste giuste lamentele e obiezioni io rispondo con un’alternativa fatta con prodotti di stagione, un’insalata con radicchio tardivo, arance e noci per mettere insieme gusto e leggerezza. Radicchio tardivo e arance di Sicilia, due prodotti rigorosamente italiani e che sono il regalo dell’inverno, con un accento croccante dato dalle noci. Se poi uniamo tutti i gusti con un filo di olio extra vergine italiano, qualche goccia di aceto balsamico, sale e pepe, l’insalata è servita.

insalata con radicchio

L’insalata con radicchio tardivo, arance e noci è anche un’idea per chi pranza fuori casa (come anche l’insalata con mele e parmigiano) o un contorno a un piatto di formaggi.

Fatemi sapere se avete provato l’insalata con radicchio tardivo, arance e noci e se vi è piaciuta… Se vi va, scattate una foto e condividetela su  Instagram, su  Facebook o con un  cinguettio su Twitter usando l’hashtag #LeRicetteDelTegamino.

Buon appetito! 😃

Clicca per leggere la ricetta o il resto del post

Lumaconi rigati ripieni al radicchio

lumaconi rigati ripieni al radicchio

I lumaconi rigati ripieni sono un’alternativa per chi non ama o non ha la possibilità di preparare la pasta ripiena all’uovo, come nella ricetta dei ravioli al radicchio.

Questo formato di pasta viene definito grande e risulta perfetto per essere farcito, coperto di besciamella e gratinato in forno. Inoltre il ripieno può variare in base ai gusti e alla stagione. Niente vi vieta di usare funghi o zucchine.

I lumaconi rigati ripieni al radicchio sono un piatto che fa incontrare il soleggiato sud con il nebbioso nord. Questo formato di pasta (come tutta la pasta di grano duro in generale) è infatti tipico del caldo sud Italia, soprattutto se scegliete della pasta di Gragnano come ho fatto io. Il radicchio tardivo IGP è invece tipico del nord Italia, specialmente della regione in cui vivo.

Fatemi sapere se avete provato i lumaconi rigati ripieni al radicchio e se vi sono piaciuti… Se vi va, scattate una foto e condividetela su Instagram o su Facebook con l’hashtag #LeRicetteDelTegamino.

Buon appetito! 😃

Clicca per leggere la ricetta o il resto del post

Ravioli al radicchio

ravioli al radicchio

Tra le cose che preferisco preparare in cucina c’è decisamente la pasta fresca. Tagliatelle e lasagne danno molta soddisfazione, ma la pasta ripiena ancora di più. Negli anni ho preparato varie declinazioni di tortelli e tortellini, ma i ravioli al radicchio sono quelli che preparo più spesso.

I ravioli al radicchio che preparo sono uno scrigno di pasta all’uovo sottilissima che racchiude al suo interno un cuore a base di ricotta, radicchio e parmigiano. Solo dopo la cottura verranno conditi con del burro fuso e spolverati di parmigiano a piacere.

Questi ravioli, ma più in generale la pasta ripiena, sono uno di quei piatti che io definisco “della domenica”, perché è in questa giornata che normalmente si ha più tempo da dedicare alla cucina. Sono anche un piatto da preparare in compagnia, spartendo uniformemente i compiti: c’è chi si occupa del ripieno, chi della pasta e poi tutti insieme si montano i ravioli.

In un occasione particolare mi è capitato di preparare più di 100 ravioli. Era bellissimo vedere la distesa di ravioli sul tavolo…

ravioli al radicchio

I ravioli sono anche un ottimo piatto unico. Basterà aggiungere un contorno veloce, una buona bottiglia di vino e il pranzo o la cena saranno serviti.

Fatemi sapere se avete preparato i ravioli al radicchio e se vi sono piaciuti… Se vi va, scattate una foto e condividetela su Instagram o su Facebook con l’hashtag #LeRicetteDelTegamino.

Buon appetito! 🙂

Clicca per leggere la ricetta o il resto del post

Radicchio tardivo al forno

radicchio tardivo

Dopo metà novembre fuori inizia a fare freschetto, e la classica insalata mista vi fa venire i brividi lungo la schiena solo all’idea di masticare foglie verdi appena tirate fuori dal frigo. Anche la solita teglia di patate al forno, non vi attira molto.

A questo punto non vi resta che affidarvi a uno degli ortaggi di stagione più famosi, vale a dire il Radicchio Rosso di Treviso IGP, detto anche radicchio tardivo, re delle tavole invernali.

Il radicchio tardivo è facilmente riconoscibile grazie alle sue foglie di forma lanceolata di colore rosso vinoso, con la costa bianco candido, che lo fa assomigliare a un fiore. Al gusto risulta piacevolmente amarognolo.
Il particolare metodo di coltivazione e lavorazione lo hanno portato ad avere un Consorzio che lo tutela, lo protegge e lo valorizza, grazie anche al marchio IGP.

Se volete saperne di più in merito al suo particolare metodo di coltivazione e volete approfondire il percorso che fa questo ortaggio dal campo alla tavola, vi consiglio questo articolo di Martina Sgorlon del blog Martinaway.

radicchio tardivo rosso vinoso

Ci sono mille ricette per preparare il radicchio tardivo, ma io ve lo consiglio cotto al forno con sale e olio.
Questa semplice preparazione vi farà servire un contorno diverso dal solito, caldo e ottimo per accompagnare carne o un tagliere di formaggi misti.

Inoltre aggiungete che è facilissimo da preparare e vi basteranno una quarantina di minuti di forno per poterlo mettere in tavola.

Quindi, se siete in difficoltà e non sapete che contorno preparare, il radicchio tardivo al forno è la soluzione al vostro problema.

Se invece preferite un contorno freddo, ma usando un prodotto di stagione come il radicchio variegato di Castelfranco, vi consiglio questa mia insalata con mele, mandorle e parmigiano.

Fatemi sapere se avete provato il radicchio tardivo al forno e se vi è piaciuto… Se vi va, scattate una foto e condividetela su Instagram o su Facebook con l’hashtag #LeRicetteDelTegamino.

Buon appetito! 😃

Clicca per leggere la ricetta o il resto del post