Ravioli al radicchio

ravioli al radicchio

Tra le cose che preferisco preparare in cucina c’è decisamente la pasta fresca. Tagliatelle e lasagne danno molta soddisfazione, ma la pasta ripiena ancora di più. Negli anni ho preparato varie declinazioni di tortelli e tortellini, ma i ravioli al radicchio sono quelli che preparo più spesso.

I ravioli al radicchio che preparo sono uno scrigno di pasta all’uovo sottilissima che racchiude al suo interno un cuore a base di ricotta, radicchio e parmigiano. Solo dopo la cottura verranno conditi con del burro fuso e spolverati di parmigiano a piacere.

Questi ravioli, ma più in generale la pasta ripiena, sono uno di quei piatti che io definisco “della domenica”, perché è in questa giornata che normalmente si ha più tempo da dedicare alla cucina. Sono anche un piatto da preparare in compagnia, spartendo uniformemente i compiti: c’è chi si occupa del ripieno, chi della pasta e poi tutti insieme si montano i ravioli.

In un occasione particolare mi è capitato di preparare più di 100 ravioli. Era bellissimo vedere la distesa di ravioli sul tavolo…

ravioli al radicchio

I ravioli sono anche un ottimo piatto unico. Basterà aggiungere un contorno veloce, una buona bottiglia di vino e il pranzo o la cena saranno serviti.

Fatemi sapere se avete preparato i ravioli al radicchio e se vi sono piaciuti… Se vi va, scattate una foto e condividetela su Instagram o su Facebook con l’hashtag #LeRicetteDelTegamino.

Buon appetito! 🙂

Stampa

Ravioli al Radicchio

Porzioni 6 persone

Ingredienti

Per la pasta:

  • 125 g di farina 00
  • 125 g di semola rimacinata di grano duro
  • 3 pizzichi di sale
  • 3 uova
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva

Per il ripieno:

  • 1,5 kg di radicchio tardivo
  • 600 g di ricotta vaccina
  • 3 o 4 cucchiai di Parmigiano Reggiano 36 mesi
  • 1 cipolla bianca
  • Noce moscata q.b.
  • Olio extra vergine di oliva q.b.
  • Sale e pepe q.b.

Per condire:

  • Burro fuso q.b.
  • Parmigiano Reggiano q.b.

Istruzioni

Iniziate preparando il ripieno dei ravioli al radicchio:

  1. Pulite a sminuzzate la cipolla bianca. Pulite e tagliate anche il radicchio tardivo a striscioline

  2. In una padella molto capiente fate soffriggere la cipolla con dell'olio extra vergine di oliva. Quando sarà trasparente aggiungete anche il radicchio, salate, pepate e cuocete a fuoco medio fino a quando il liquido non si sarà consumato totalmente

  3. Nel frattempo setacciate la ricotta.
    Prendete un colino e appoggiatelo su una terrina. Versate la ricotta e, con l'aiuto di una forchetta, fatela "passare" per la maglie del colino

  4. A questo punto sminuzzate con un coltello il radicchio fino ad ottenere quasi una crema

  5. Versatelo nella terrina con la ricotta, aggiungete il parmigiano, la noce moscata e aggiustate di sale e pepe. Mescolate il tutto e tenete da parte.

Preparate ora la pasta:

  1. In una terrina mescolate le farine, le uova, il sale e l'olio e impastate fino ad ottenere un panetto liscio

  2. Fate riposare la pasta per circa 30 minuti coperta da un canovaccio, in modo che non si secchi.

A questo punto avete due possibilità per fare i ravioli.

Potete usare il metodo classico, vale a dire:

  1. Stendete la pasta con l'aiuto di un mattarello o con la macchina per la pasta e bagnate i bordi con un po' d'acqua

  2. Con l'aiuto di un cucchiaino appoggiate del ripieno a circa 2 cm circa dal bordo della pasta. Continuate appoggiando il ripieno ogni 4 cm circa (anche in base alla grandezza dei ravioli che volete ottenere)

  3. Bagnate anche lo spazio tra ogni pallina di ripieno

  4. Ripiegate l'altro lembo di pasta sopra il ripieno, schiacciate bene i bordi per far uscire l'aria e tagliate intorno con l'aiuto di un coppa pasta o di un coltello. Continuate fino a che non avete terminato pasta e/o ripieno.

Il secondo metodo (e quello che ho usato io) è quello con la raviolatrice.

  1. Come per il metodo classico, stendete la pasta con l'aiuto di un mattarello o con la macchina per la pasta

  2. Tagliate la sfoglia in base alla grandezza della raviolatrice e seguite le istruzioni che di solito sono comprese.

A questo punto non vi resta che cuocerli:

  1. Portate a ebollizione una pentola d'acqua salata

  2. Cuocete una decina di ravioli alla volta per 5 minuti e fate in modo che l'acqua sobbolla, in modo da diminuire le probabilità che i vostri ravioli si aprano in cottura

  3. Scolateli e conditeli a piacere.

Io, di solito, preferisco del semplice burro fuso e un po' di parmigiano, in modo da non coprire il gusto del radicchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *